Home » News » “Condivisibile l’ipotesi di quota 100 ma è allarme per le donne del Sud”, Intervista ad Annamaria Furlan, ‘Il Mattino’ del 19 Settembre 2018

“Condivisibile l’ipotesi di quota 100 ma è allarme per le donne del Sud”, Intervista ad Annamaria Furlan, ‘Il Mattino’ del 19 Settembre 2018

Quota cento con 62 anni di età o il canale dei 41 anni di contributi è una buona ipotesi di discussione. Ma sulle pensioni non bisogna fare lo stesso errore del Governo Monti. Bisogna aprire un confronto serio, altrimenti si fanno solo pasticci. Penso per esempio alle donne, soprattutto quelle del Sud, che rischiano di essere penalizzate perché la loro carriera è spesso discontinua e non permette di sommare la contribuzione all’età anagrafica. Molte di loro rischierebbero di uscire solo con il pensionamento di vecchiaia a 67 anni. Anche altre categorie corrono questo rischio. Ecco perché chiediamo al Governo di fermarsi e di discutere con il sindacato che conosce bene la portata di questi problemi. I costi della pensione di cittadinanza? Se il tema è alzare le pensioni più basse noi siamo d’accordo ma credo che per questo intervento la solidarietà vada chiesta a tutti, alla fiscalità in generale e non necessariamente solo ai pensionati.  Poi ci sono i giovani e con il precedente governo avevamo concordato di aprire un confronto sul sistema attuale per arrivare ad una pensione di garanzia. Speriamo di riaprire una discussione anche su questo tema.

Il Mattino

Vedi anche

Sebastiano Tripoli, già segretario generale della Femca Ragusa Siracusa, è da oggi il nuovo componente della segreteria nazionale della federazione dei lavoratori chimici della Cisl.

 È stato eletto questa mattina, a Roma, al termine dei lavori del Consiglio generale convocato …