Home » News » Furlan: Governo. “Aiutiamo il Paese a riannodare i fili della convivenza e della coesione sociale”

Furlan: Governo. “Aiutiamo il Paese a riannodare i fili della convivenza e della coesione sociale”

Bologna, 20 giugno 2018.  “Il sindacato è uno strumento molto importante per creare coesione sociale mettendo persona e lavoro sempre al centro della sua attività in un paese che oggi ne ha davvero bisogno”. Così la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan oggi a Bologna all’Assemblea regionale dei delegati della Cisl Emilia Romagna. “Abbiamo continui messaggi di spaccatura, tra gli uomini e le donne, tra i giovani e gli anziani, chi ha il lavoro e chi non lo ha, tra il nord e il Sud, tra i cittadini e gli immigrati. Al contrario abbiamo bisogno di riannodare i fili che permettono alle persone di stare insieme ed insieme guardare al futuro. Quindi oggi credo che il sindacato confederale, la Cisl in modo particolare, per quello che ci riguarda, abbia questo compito attraverso la centralità del lavoro e della persona nel lavoro”
Abbiamo bisogno di un governo che riannodi i fili della convivenza, ricordando che la dignità dell’essere umano viene prima di ogni cosa. Il rispetto della persona è dentro la nostra Carta Costituzionale e nello Statuto della Cisl” ha detto ricordando che oggi si celebra la Giornata Mondiale del rifugiato. “La nostra costituzione parla chiaro. Non vogliamo piu’ vivere quello che nel passato si e’ vissuto in questo Paese”. Esprime così il proprio dissenso verso ogni ipotesi di schedatura, ma dichiarandosi favorevole ad interventi che diano dignita’ alle condizioni di vita delle popolazioni rom e Sinti.
“Va posto un tema di dignita’ anche di questa etnia. Salvini parla dei campi rom, fa bene a farlo perche’ spesso le condizioni di vita delle persone sono assolutamente prive di dignita’ per famiglie e bambini”, osserva. “Il tema dell’integrazione, della tolleranza e dei diritti umani e’ importante e’ va affrontato in una logica inclusiva a garanzia della dignita’ delle persone”, afferma facendo proprio l’appello lanciato oggi dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, sul dovere dell’accoglienza. “Pienamente d”‘accordo”, ribadisce.
Furlan si è quindi espressa sul tema delle tutele per i riders e sulle iniziative del ministro del Lavoro, Luigi Di Maio: “E’ assolutamente importante, da affrontare. Nei contratti della logistica abbiamo cominciato ad affrontare il tema di come garantire a questi lavoratori le tutele indispensabili: sicurezza, malattia e versamenti contributivi. È necessario dare dignita’ a questa forma di lavori atipica che ha bisogno di tutele universali, che dobbiamo rendere esigibili per ogni forma di lavoro”, aggiunge la leader Cisl.
Infine un monito alla politica: “Credo che si debba uscire da propaganda elettorale e si debbano invece affrontare i temi nodali per la crescita del Paese, quindi anche le infrastrutture quelle grandi e quelle medie, di cui il paese ha bisogno” sottolinea facendo anche riferimento a Bologna, citta’ che rischia di vedere messa in discussione la realizzazione del Passante. “Credo che il tema delle infrastrutture sia fondamentale per il futuro del Paese, in particolare al sud che ne e’ privo”, conclude.

Vedi anche

“SALUTE Diritti Lavoro Sviluppo-L’Italia che vogliamo”.

 E’ questo il titolo dell’assemblea nazionale unitaria in programma, oggi, a Salerno e aperta dalla …