Home » News » “Se l’agenda delle infrastrutture non decolla”, lettera aperta di Annamaria Furlan, ‘Il Messaggero’ 17 Ottobre 2018

“Se l’agenda delle infrastrutture non decolla”, lettera aperta di Annamaria Furlan, ‘Il Messaggero’ 17 Ottobre 2018

Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l’importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (…) E’ lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull’economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l’Europa.

Il Messaggero

Vedi anche

Sebastiano Tripoli, già segretario generale della Femca Ragusa Siracusa, è da oggi il nuovo componente della segreteria nazionale della federazione dei lavoratori chimici della Cisl.

 È stato eletto questa mattina, a Roma, al termine dei lavori del Consiglio generale convocato …