Home » News » UST Cisl Ragusa Siracusa: Consiglio Generale di fine anno

UST Cisl Ragusa Siracusa: Consiglio Generale di fine anno

Un patto Ragusa Siracusa per evitare l’emarginazione dell’intero territorio. Lo rilancia da Ragusa, durante il Consiglio generale di fine anno convocato nel salone del Mediterraneo Palace, il segretario della UST, Paolo Sanzaro, che, durante il suo intervento chiama alla presa di posizione i sindaci delle province per evitare il decentramento di enti e istituzioni.
«La vertenzialità di questo grande territorio – ha sottolineato Paolo Sanzaro – deve essere assunta tra le priorità del nuovo governo regionale. Ragusa e Siracusa rappresentano ancora una fetta importante dell’economia siciliana e, se ulteriormente valorizzate, possono offrire maggiore appeal per la ricchezza isolana. Chiediamo soprattutto infrastrutture per legare il tessuto economico presente al resto della Sicilia.
Aeroporto di Comiso, rete ferroviaria e stradale devono essere interconnessi per evitare l’emarginazione di quest’area vasta.»
Paolo Sanzaro torna a riproporre un Patto Ragusa Siracusa che metta insieme politica, istituzioni, imprese e sindacato. Cita il segretario generale nazionale, Annamaria Furlan, e la grande capacità di sedere al tavolo con il governo per lavorare in sinergia, passo dopo passo perseguendo i risultati migliori per i lavoratori ed i pensionati.
«La sinergia dei territori è fondamentale per dare maggiore forza – ha sottolineato il segretario della UST – Ormai è impossibile pensare al singolarismo di parte. Lavoriamo insieme per fare in modo che i tanti giovani di questa province possano dire “io resto al Sud”. Sapremo, in questo modo, agire per i lavoratori ed i pensionati.»
Infine gli aspetti che riguardano lo smembramento di enti e istituzioni che sta privando Ragusa e Siracusa di pezzi importanti di rappresentatività.
«Serve un moto di orgoglio dei sindaci di questo territorio per difendere l’autonomia di queste province – ha concluso Paolo Sanzaro – Insopportabile l’accentramento di enti economici che stanno svilendo l’impegno di tanti soggetti e, soprattutto, rischiano di portare altrove interessi e investimenti.»
Infrastrutture e sistema industriale nell’intervento del segretario generale della Cisl siciliana.
Mimmo Milazzo accenna al primo confronto avviato con il nuovo governo regionale e ai punti in agenda che arriveranno proprio da Ragusa e Siracusa.
«Un primo incontro proficuo e, mi sembra di poter dire, concreto – ha sottolineato Milazzo – In questo territorio bisogna perseguire con forza l’infrastrutturazione. Per Ragusa sarà importante l’arteria appena deliberata dal Cipe; da queste opere passa lo sviluppo di un’intera area.
Poi, per quanto riguarda il settore industriale, dobbiamo declinare meglio il passo verso un cambiamento radicale del sistema a Siracusa così come a Ragusa.
Serve un’industria eco compatibile senza, per questo, dover smantellare una grande realtà del territorio. Si pensi, piuttosto, ad un accordo generale che salvaguardi l’ambiente e crei, contemporaneamente, occasioni di sviluppo e lavoro.»
Milazzo ricorda il “buon lavoro” fatto in termini di pensioni dalla Cisl. Le commissioni che dovranno determinare i lavori gravosi e le variazioni delle aspettative di vita.

Vedi anche

Editoriali di Annamaria Furlan su Decreto dignità, contrattazione, lavoro, voucher da “Il Messaggero e il “Secolo XIX” del 16 Luglio 2018

“Ci sono indubbiamente degli aspetti positivi nel Decreto del Governo a partire dai vincoli a …