Home » News » Zona industriale di Siracusa, i sindacati sui prossimi appuntamenti in Prefettura: “serviranno idee chiare e proposte”

Zona industriale di Siracusa, i sindacati sui prossimi appuntamenti in Prefettura: “serviranno idee chiare e proposte”

I settori Industria di Cgil, Cisl e Uil si sono ritrovati questa mattina dopo l’incontro in prefettura di pochi giorni fa. Rinnovato l’impegno per un percorso unitario che parta da tre tavoli tematici per affrontare in maniera sistemica tutto ciò che riguarda il Polo industriale siracusano. Ne hanno parlato i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Roberto Alosi, Paolo Sanzaro e Stefano Munafò, poiché “c’è un metodo di lavoro che, come indicato dal Prefetto, ha già individuato gli argomenti sui quali concentrarsi – hanno dichiarato Alosi, Sanzaro e Munafò – Per il sindacato è un primo risultato ascrivibile al documento unitario redatto insieme alle categorie coinvolte e che ha sintetizzato criticità e urgenze dell’area industriale. L’attenzione posta da Sua Eccellenza il Prefetto rappresenta motivo di grande responsabilità per tutti i soggetti coinvolti“.

Appalti, bonifiche e investimenti, saranno i tre tavoli tematici e il primo appuntamento sarà martedì 31 luglio alle ore 17 in Confindustria. “Il Prefetto manterrà la regia complessiva di questo percorso condiviso – hanno aggiunto Alosi, Sanzaro e Munafò – per aprire una negoziazione seria su come affrontare le emergenze che non sono più gestibili se non ci diamo una inquadratura. Sarà necessario avere la presenza di tutte le committenti e noi pretendiamo un tavolo al quale siedano tutti. Un primo passo lo abbiamo fatto. È l’inizio di un percorso durante il quale serviranno idee chiare e proposte scritte sul tema degli appalti. La mobilitazione che noi abbiamo lanciato attraverso assemblee e documenti unitari rimane sempre in piedi perché il clima resta altissimo. L’obiettivo è trovare regole comuni per la gestione dei cambi appalto. Sarà certamente un primo risultato anche se non possiamo ancora dire di essere soddisfatti perché martedì al tavolo con le committenti capiremo quale direzione si voglia intraprendere“.

Il documento unitario approntato qualche mese fa tocca più argomenti e apre a tutta una serie di contrattazioni a cui faremo fronte. “Ma, lo ribadiamo – concludono i tre segretari di Cgil, Cisl e Uil-, sarà fondamentale che Imprese, Confindustria, prefettura e sindacati stiano tutte sedute attorno a un tavolo. C’è necessità di non dividere il fronte dei lavoratori con i quali abbiamo preso impegni importanti perché c’è in gioco il loro futuro e quello dell’intera zona industriale del nostro territorio”.

Sulla vicenda interviene anche Giovanni Cafeo, deputato regionale all’Ars e segretario della III Commissione ARS Attività Produttive. Per il deputato regionale “è importante che alle prossime convocazioni indette dal Prefetto, partecipino anche i sindaci di Floridia e Solarino in modo da avere così allo stesso tavolo la rappresentanza completa di tutti i comuni ad elevato rischio di crisi ambientaleMi auguro quindi – conclude Giovanni Cafeo – che i tavoli di lavoro immaginati a seguito di questo primo incontro offrano soluzioni concrete alla questione industriale del Polo Petrolchimico di Siracusa e che il Prefetto, al quale va il mio personale ringraziamento per il suo ruolo di garanzia, possa far valere il suo autorevole peso istituzionale anche in occasione delle crisi aziendali della zona industriale, garantendo proprio grazie agli interventi della Prefettura il pieno rispetto delle regole”.

Vedi anche

Roberto Alosi confermato alla guida della CGIL Siracusa

Gli auguri del segretario generale della Ust Cisl Ragusa Siracusa, Paolo Sanzaro, a Roberto Alosi confermato alla guida della …