Home » News » Cgil, Cisl e Uil, “avviare subito il servizio Asacom”

Cgil, Cisl e Uil, “avviare subito il servizio Asacom”

«Una decisione che lede un diritto imprescindibile per le famiglie e gli studenti disabili e mina pericolosamente il diritto al lavoro delle tante figure professionali che, per l’intero anno scolastico, assistono i ragazzi. Si sblocchino subito le somme disponibili e si avvii il servizio di trasporto e assistenza, la politica e le istituzioni la smettano di giocare a rimpiattino sulla pelle dei cittadini.»
Così, i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Roberto AlosiPaolo SanzaroStefano Munafò (nella foto), intervengono sulla sospensione del servizio Asacom da parte del Libero Consorzio di Siracusa.
«Il mancato avvio dell’assistenza agli studenti disabili della provincia – aggiungono i tre segretari generali – sta creando una serie di problemi enormi alle famiglie di questi ragazzi. È incredibile come la Regione ed il Libero Consorzio sottovalutino l’importanza di questo servizio che contribuisce, da sempre, agli obiettivi minimi di inclusione sociale.
È disarmante che si arrivi all’inizio dell’anno scolastico con questa improvvisazione e questa leggerezza. Studenti ed operatori, impegnati e formati da anni, stanno patendo le conseguenze di questo pressapochismo.
Abbiamo più volte richiamato chi governa a dotarsi di una programmazione – concludono Alosi, Sanzaro e Munafò, che ricordano anche quanto sta avvenendo nelle scuole di primo grado di competenza comunale, anch’esse prive di servizio Asacom – Solo programmando gli interventi e avendo chiare le priorità in termini di servizi la politica può definirsi una buona politica.
Ora si faccia presto, si ridia dignità a questi studenti e a quanti li assistono quotidianamente. La Regione abbia un moto di orgoglio ed il Libero Consorzio si attivi per ottenere le somme dovute.»

Vedi anche

Manifestazione “Lavoro & Dignità” Sanzaro: ringrazio tutti!

Carissime/i voglio esprimere, ad ognuno di voi, il mio personale ringraziamento per la partecipazione e …