Intervento di Annamaria Furlan su “Il Dubbio” del 16 giugno 2017: “Cari politici votate lo Ius soli, è una questione di civiltà”.

Gli italiani senza cittadinanza, considerati stranieri dalle nostre istituzioni e soprattutto dalle leggi, sono più di un milione. Sono però di fatto persone che studiano nelle nostre scuole, si laureano nelle nostre Università, lavorano e pagano le tasse come tutti i cittadini italiani. Le incertezze dei politici, la separazione in Parlamento sulla definitiva approvazione della legge sulla cittadinanza, sono assolutamente inconcepibili. Il sindacato da anni si batte per consentire ai giovani nati e cresciuti nel nostro paese, di essere riconosciuti come cittadini italiani. E’ una questione di civiltà.

leggi l’intervista de “Il Dubbio”

Vedi anche

Sciopero nazionale, oggi, del settore elettrico/gas/ambiente di Cgil, Cisl e Uil contro l’articolo 177 del Codice degli appalti.

Davanti alle Prefetture di Siracusa e Ragusa si sono ritrovati, per un presidio, i lavoratori …