Home » News » Intervista del Corriere della Sera a Annamaria Furlan: “La riforma può battere il precariato ma il pubblico impiego resti fuori”

Intervista del Corriere della Sera a Annamaria Furlan: “La riforma può battere il precariato ma il pubblico impiego resti fuori”

Intervista a Annamaria Furlan, “Il Corriere della Sera”, 29 Dicembre 2014 “La riforma può battere il precariato ma il pubblico impiego resti fuori”.
Il rapporto di lavoro pubblico ha un suo percorso legislativo e per stessa ammissione del Governo il Jobs act riguarda solo il lavoro privato. La preoccupazione principale non è se la riforma si applica o no al pubblico impiego, ma come si stabilizzano le decine di migliaia di lavoratori precari nelle pubbliche amministrazioni e nella scuola. Il punto decisivo della riforma è se il nuovo contratto a tutele crescenti assorbirà tutte le forme di precariato così diffuse nel paese; dai finti collaboratori agli associati in partecipazione, dalle finte partite Iva ai lavoratori a chiamata. Se ciò avverrà per circa un milione e mezzo di persone che si trovano nella precarietà più assoluta , si tratterà di un passo in avanti . In caso contrario avremo solo un ulteriore contratto precario.

Leggi l’Articolo in PDF

Vedi anche

Congresso territoriale straordinario FAI CISL Ragusa Siracusa, 19 febbraio 2019

“Per un rinnovato impegno per lo sviluppo agroalimentare”, è questo lo slogan del Congresso territoriale …