Home » News » Sebastiano Tripoli, già segretario generale della Femca Ragusa Siracusa, è da oggi il nuovo componente della segreteria nazionale della federazione dei lavoratori chimici della Cisl.

Sebastiano Tripoli, già segretario generale della Femca Ragusa Siracusa, è da oggi il nuovo componente della segreteria nazionale della federazione dei lavoratori chimici della Cisl.

 È stato eletto questa mattina, a Roma, al termine dei lavori del Consiglio generale convocato dalla segretaria Nora Garofalo nell’auditorium Carlo Donat-Cattin di Via Rieti, alla presenza del segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, e del segretario generale della Cisl Sicilia, Mimmo Milazzo.
Augustano, 45 anni, ha assunto la guida dei Chimici cislini siracusani il 23 luglio del 2009 e, quattro anni dopo, il 6 marzo del 2013, è stato eletto come primo segretario generale della nuova Femca Cisl che accorpa i territori di Ragusa e Siracusa.
Rieletto per il secondo mandato nel marzo del 2017, a Tripoli era già stata affidata, a livello nazionale, la struttura del comparto energia, quindi l’area del petrolio.
“L’elezione di Sebastiano Tripoli – ha commentato il segretario generale della UST, Paolo Sanzaro, presente al Consiglio di Roma – è il giusto riconoscimento ad un dirigente preparato, ad un territorio strategico nel panorama industriale nazionale e alla stessa Cisl siracusana.
La sua presenza in segreteria nazionale, quella di Nora Garofalo insieme alla guida siciliana di Franco Parisi, mettono insieme un gruppo dirigente attento e conoscitore della realtà industriale siracusana e ragusana. Sarà importante, insieme agli amici della Femca territoriale, gruppo preparato e con grande esperienza rinnovata quotidianamente e a tutti i livelli, per rilanciare i temi strategici per l’economia industriale delle nostre province.”

Vedi anche

“Soprattutto al Sud serve un patto tra generazioni”, intervento di Annamaria Furlan, ‘Il Corriere del Mezzogiorno’ del 9 Dicembre 2018

L’ultimo Rapporto Censis ha delineato un quadro decisamente preoccupante per il nostro Paese, soprattutto per …