Intervista ad Annamaria Furlan, su “Il Corriere della Sera” del 12.12.2014

Protesta sbagliata ma l’esecutivo ha fatto un pasticcio.
“Mi sembra che il governo abbia fatto un vero pasticcio. Esiste una legge che assicura i servizi essenziali, va seguita la legge. Detto questo, il diritto di sciopero è un grande strumento di civiltà, e anche se non è il fine della lotta sindacale, è sacrosanto”. Commenta così il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, la precettazione, e la successiva revoca, dei ferrovieri. “Ho grande rispetto per le altre organizzazioni sindacali ma rivendico la nostra linea. -ribadisce Furlan in merito alla posizione della Cisl sulla protesta indetta da Cgil e Uil-. Il primo dicembre abbiamo scioperato nel pubblico impiego, per il quale sono 6 anni che non viene rinnovato il contratto. Lo sciopero generale non è lo strumento adeguato per un Paese che ha perso 25 punti di produzione industriale”.

Scarica il PDF

Vedi anche

UST e FP. Libero Consorzio: “mancati stipendi per i 400 dipendenti”

“Troppi silenzi sul caso Libero Consorzio, ora si rischia di innescare un ulteriore dramma sociale. …